LEGGE BILANCIO 2018
Novità detrazioni fiscali.

 pubblicato il03/01/2018 18:42:37 sezione News

Proroga della detrazione per ristrutturazioni e bonus mobili, numerose novità per l'ecobonus, nuovo bonus verde, nuova detrazione per polizze eventi calamitosi.

Legge di bilancio 2018 e detrazioni per la casa

La Legge di bilancio per il 2018, o Finanziaria 2018, è stata approvata dal Parlamento in via definitiva il 23 dicembre scorso ed è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre 2017.

Come ogni anno, la Legge di bilancio include tutte le novità inerenti le detrazioni fiscali per la casa.
Durante l’iter di approvazione della Legge si sono susseguite varie modifiche e correzioni alla bozza formulata inizialmente, alcune addirittura sono subentrate all’ultimo minuto.

Pertanto, si rende utile fare il punto sulle principali novità riguardanti le detrazioni per la casa contenute nel testo definitivo della Legge di bilancio 2018, meglio individuata come Legge 27 dicembre 2017, n.205 – Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020.

La Legge è entrata in vigore il 1° gennaio 2018.

Novità Ecobonus 2018
La Legge di bilancio per il 2018, al comma 3, lettera a), proroga fino al 31 dicembre 2018 la detrazione fiscale per gli interventi di risparmio energetico, detta anche ecobonus.

Negli scorsi anni questa detrazione veniva altresì chiamata detrazione 65%.
Dal 2018 non utilizzeremo più questa espressione poiché la percentuale di detrazione non sarà più fissa al 65%.

Infatti, a partire dal 2018 l’ecobonus è ridotto a una percentuale pari al 50% per alcuni interventi specifici:

1- l’acquisto e posa in opera di serramenti comprensivi di infissi;

2- l’acquisto e posa in opera di schermature solari;

3- la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori alimentati da biomasse combustibili;

4- la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n.811/2013 della Commissione del 18 febbraio 2013.

Solo nel caso in cui l’intervento si accompagni alla contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02 si può applicare una percentuale di detrazione pari al 65%.
Sempre riguardo agli impianti di climatizzazione, la Legge di bilancio 2018 prevede che la detrazione sul risparmio energetico si applichi in percentuale pari al 65% anche per la sostituzione con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro o con generatori d'aria calda a condensazione.

Sono invece esclusi dall’ecobonus gli impianti di climatizzazione invernale dotati di caldaia a condensazione con efficienza inferiore alla classe A.

Dal 1° gennaio 2018 è poi introdotto un nuovo intervento detraibile con ecobonus con percentuale di detrazione al 65%: l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti.
La detrazione è ammessa per spese sostenute nel 2018, fino a un valore massimo di detrazione (attenzione, non di spesa) di 100.000 euro.
È però necessario che l’intervento conduca a un risparmio di energia primaria complessivo pari almeno al 20%.

Altre novità per l’ecobonus 2018:

- estensione della detrazione agli Istituti autonomi per le case popolari;

- possibilità di cessione del credito anche per interventi di riqualificazione energetica effettuati sulle singole unità immobiliari.

Prorogato senza modifiche tutto quanto inerente l’ecobonus precedentemente in vigore e non citato in questo paragrafo.



Nuovo Bonus rischio sismico e risparmio energetico parti condominiali 2018
La Legge di bilancio 2018 introduce, sempre al comma 3, lettera a, un’importante novità a favore di interventi su parti comuni condominiali.

Per le spese relative agli interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica,spetta, in alternativa all’ecobonus e al sismabonus, una detrazione:

- nella misura dell’80%, ove gli interventi determinino il passaggio a una classe di rischio inferiore;

- nella misura dell’85%, ove gli interventi determinino il passaggio a due classi di rischio inferiori.

La detrazione è ripartita in dieci quote annuali di pari importo e si applica su un ammontare delle spese non superiore a 136.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari di ciascun edificio.



Novità Bonus ristrutturazioni 2018

Al comma 3, lettera b) la Legge di bilancio 2018 proroga fino al 31 dicembre 2018 la detrazione per gli interventi di ristrutturazione edilizia di immobili a uso abitativo.

Invariate tutte le regole precedentemente in vigore, tra cui il tetto massimo di spesa (96.000 euro) e anche la percentuale di detrazione (50%).

Unica novità per il 2018 è l’estensione della detrazione agli Istituti autonomi per le case popolari.



Bonus mobili ed elettrodomestici 2018
Collegato ai lavori di ristrutturazione, al comma 3, lettera b) della Legge di bilancio 2018 è prorogato anche il bonus mobili fino al 31 dicembre 2018.

Si tratta della detrazione per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ ovvero A per i forni.

I mobili ed elettrodomestici acquistati nel 2018 dovranno riferirsi a immobili i cui lavori di ristrutturazione sono iniziati a decorrere dal 1° gennaio 2017.

Resta invariato il tetto massimo di spesa pari a 10.000 euro, con una percentuale di detrazione fissa del 50%.



Bonus mobili giovani coppie

La Legge di bilancio per il 2018 non proroga il bonus mobili per le giovani coppie, che risulta ormai scaduto e non sarà più in vigore per il 2018.



Nuovo Bonus verde 2018

Al comma 12, la Legge di bilancio 2018 introduce una nuova detrazione per la sistemazione degli spazi verdi esterni, ormai già conosciuta come bonus verde.

Gli interventi ammessi al bonus verde riguardano nello specifico (cito la legge):


- la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi;

- la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.
Il bonus è ammesso fino a una spesa massima di 5.000 euro per ogni unità immobiliare, con una percentuale di detrazione fissa pari al 36%, è ripartito in dieci quote annuali di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi.

I pagamenti devono essere effettuati con strumenti idonei a garantire la tracciabilità della spesa.

Al comma 13 la Legge di bilancio chiarisce che il bonus verde è esteso anche a interventi su parti esterne condominiali, fino a un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo.

Nel bonus verde possono anche rientrare le spese di progettazione e manutenzione connesse agli interventi indicati, sia che si tratti di spazi verdi privati sia condominiali.



Nuova detrazione polizze calamità 2018

La Legge di bilancio 2018 introduce al comma 768 una detrazione IRPEF pari al 19% relativa ai premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi stipulate relativamente a unità immobiliari a uso abitativo.

La misura agevolativa si applica solo per le nuove polizze stipulate a decorrere dal 1° gennaio 2018.

VEDI ANCHE