SPURGO TERMOSIFONI
Guida al fai da te.

 pubblicato il30/12/2017 17:09:07 sezione News

Lo spurgo dei tubi del termosifone è un'operazione molto importante, da eseguire con attenzione, in caso di funzionamento parziale dell'impianto di riscaldamento.

Quando fare lo spurgo dei tubi del termosifone

Con l’accensione del riscaldamento capita spesso che i termosifoni non si scaldino in modo uniforme: questo significa che nei tubi è presente una certa quantità di aria che impedisce all’acqua calda di defluire correttamente all’interno dell’impianto.

Durante l’estate, infatti, i termosifoni rimasti inutilizzati per mesi possono riempirsi di bolle d’aria che, una volta iniziata la stagione fredda, ostacolano il regolare funzionamento dei caloriferi, diminuendone l’efficacia.

Per questo, si rendono necessari lo spurgo e l'eliminazione dell'aria dal termosifone, operazioni che è possibile eseguire anche con il fai da te seguendo con cura alcuni semplici passaggi.



Come fare lo spurgo dei tubi del termosifone

Per realizzare in modo corretto lo spurgo dei termosifoni è necessario innanzitutto individuare la valvola di sfiato, in genere collocata a destra, sulla parte opposta alla manopola di accensione.
Successivamente, dopo aver spento la caldaia e aver raffreddato gli apparecchi, bisognerà aprire al massimo tutti i radiatori presenti all’interno della casa , girando in senso orario, fino ad arrivare alla fine della corsa, la manopola che si trova nella parte alta del termosifone, in corrispondenza al tubo di rame che dal muro porta l’acqua all’interno del radiatore.

Questa operazione va eseguita partendo dal termosifone più vicino alla caldaia.
A questo punto, si potrà aprire la valvola con l’aiuto di un’apposita chiave, di solito fornita in dotazione insieme al calorifero.
L'apertura della valvola dovrà avvenire in senso antiorario, avendo cura di collocare sotto di essa un recipiente per raccogliere l’acqua che, insieme all’aria, uscirà da un piccolo tubo posizionato accanto.

Se non si dispone della chiave, è possibile acquistarne una compatibile con il termosifone in qualsiasi negozio di idraulica. In ogni caso, si consiglia di procedere all’apertura della valvola utilizzando solo ed esclusivamente attrezzature idonee, per non compromettere il buon funzionamento dell’impianto di riscaldamento.
Dopo aver eliminato ogni traccia di gas e di liquidi, sarà necessario richiudere la valvola.
In genere, tutti i termosifoni moderni sono dotati dell’apposita valvola di sfiato, a eccezione dei modelli molto vecchi diffusi fino agli anni '70.

Se in casa fossero presenti radiatori così obsoleti, si dovrà provvedere all’acquisto di una valvola compatibile, provvista di sfiato, presso un rivenditore specializzato.
Una volta terminato lo sfiato di tutti i caloriferi presenti in casa, bisognerà controllare il manometro della caldaia, un display su cui è possibile rilevare la pressione dell’acqua dell’impianto di riscaldamento.

Se la lancetta del manometro sarà posizionata tra 1 e 2 bar, allora lo spurgo sarà andato a buon fine; se invece risulterà superiore a 2 bar, allora sarà necessario continuare con lo sfiato per diminuire ulteriormente la pressione.

Se invece la lancetta si troverà al di sotto di 1 bar, bisognerà intervenire sulla manopola a farfalla sulla caldaia, facendo in modo che l’ago del manometro risalga fino a raggiungere il livello giusto.

Una volta terminato lo spurgo, sarà necessaria un’ultima verifica del funzionamento dei caloriferi: se tutti gli apparecchi si scalderanno in modo uniforme senza lasciare delle parti fredde alternate a parti calde, allora l’esito dell’operazione avrà avuto esito positivo.
Se invece i termosifoni presenteranno ancora delle zone non riscaldate, significa che è ancora presente dell'aria all’interno dei tubi.



Altre operazioni di spurgo dei tubi del termosifone

Se i termosifoni si presentano caldi ancora parzialmente ma l’aria risulta eliminata del tutto, allora è possibile che all’interno dei tubi siano presenti altri ostruenti, come ad esempio sporcizia e incrostazioni.

In questo caso, è possibile che si renda necessaria una pulizia più profonda dell’impianto attraverso apposite macchine idropulitrici o con l’intervento di tecnici specializzati.
Il lavaggio dei tubi può essere chimico oppure ad acqua. Nel primo caso è consigliabile rivolgersi a degli esperti del settore mentre la seconda opzione può essere eseguita utilizzando macchinari professionali acquistabili dai rivenditori autorizzati.

La pulizia profonda dell’impianto con detergenti chimici prevede dapprima il lavaggio dei termosifoni stessi e delle valvole e poi quello dei tubi. Durante tutto il procedimento bisognerà assicurarsi che le valvole siano tutte libere e che lascino scorrere i prodotti disincrostanti.
Le sostanze chimiche pulenti verranno fatte poi circolare attraverso un macchinario disincrostante per un arco di tempo ben preciso. Successivamente, si provvederà a effettuare un secondo ciclo con l’uso di una pompa.

Questo tipo di pulizia è necessario non solo quando i termosifoni non vengono riscaldati in modo uniforme ma anche nel caso in cui gli apparecchi impieghino troppo tempo per diventare caldi.

Infine, il lavaggio a fondo delle tubature è consigliato subito dopo l’installazione della caldaia e prima del suo allacciamento, in modo da non risentire dell’eventuale presenza di sporcizia e assicurando così il funzionamento di tutto l’impianto e una resa termica sempre ottimali.

Se non si vuole ricorrere all’intervento di ditte del settore, si può seguire la pulizia profonda utilizzando delle macchine idropulitrici professionali e appositi prodotti detergenti e disincrostanti disponibili sul mercato.
Le idropulitrici, ad esempio, affidabili, versatili e facili da utilizzare, permettono di pulire a fondo qualsiasi tipo di apparecchio.
Quelle ad acqua calda, poi, garantiscono un risultato ottimale, all’insegna della comodità d’uso e dell’alta tecnologia.

I detergenti chimici Karcher, utilizzabili sia per le idropulitrici che separatamente, assicurano invece il massimo effetto pulente nel minor tempo possibile e permettono di ridurre il consumo di acqua e di energia grazie alla bassa concentrazione di oli minerali all’interno delle soluzioni.



Prodotti per lo spurgo dei tubi del termosifone

L’attrezzatura necessaria per facilitare l’operazione di spurgo può essere acquistata sia presso tutti i negozi di idraulica specializzati sia online, dove è presente una vasta scelta di valvole di ricambio per il termosifone e di altri prodotti utili per lo sfiato dei tubi.
Sull’emporio virtuale di Amazon, ad esempio, è possibile trovare, tra le varie attrezzature professionali, anche gli stura tubi a getto ad alta pressione, indispensabili per liberare i tubi da aria, acqua e sporco.

Tra le varie tipologie, quelli offerti da Karcher sono dotati di indicatori colorati che rilevano l’avanzamento dello stura tubi all’interno della conduttura e sono utilizzabili con le idropulitrici Consumer. La stessa professionalità è fornita dallo stura tubi per idropulitrice Valex, disponibile fino a 15 metri di lunghezza.
Sempre su Amazon, è presente un’ampia gamma di valvole automatiche di sfiato, come quelle prodotte da Boutt, in nickel con dado quadrato e chiave, o quelle del set Sanitop Wingenroth, con sfilettatura autosigillante, il corpo in ottone nichelato e le guarnizioni in silicone.

Dello stesso produttore sono disponibili anche le chiavi per valvola di sfiato per termosifoni in acciaio nichelato, con apertura interna a base quadrata.

VEDI ANCHE