TETTOIE IN LEGNO
Cose da sapere a riguardo.

 pubblicato il08/03/2017 17:26:17 sezione News
TETTOIE IN LEGNO
Cose da sapere a riguardo.

La realizzazione di una tettoia in legno, creata sia come copertura di un mezzo di trasporto e sia come un qualsiasi genere di riparo per persone o oggetti, è sempre un’ottima idea a cui dare forma. Si tratta di struttura sicuramente utile e di semplice installazione.

In merito alla sua costruzione, può a volte esistere ancora una certa confusione per ciò che concerne la normativa in vigore e per dissipare qualsiasi dubbio è sempre bene informarsi presso gli appositi uffici del proprio Comune: potrà essere così programmata la visita di un tecnico abilitato nello specifico caso per poter usufruire della sua consulenza.

In ogni caso, prima di decidere per quale struttura optare, è sempre necessario tenere conto della funzione che dovrà avere la tettoia in legno che si intende costruire: il suo compito potrebbe infatti essere quello di creare ombreggiamento e riparo dalle varie intemperie, ma anche quello di aumentare lo spazio vivibile (ad esempio, quando si vogliono ricoprire spazi da adibire a veranda oppure a patio), al pari di un gazebo o di un pergolato. E’ quindi comunque corretto precisare che attualmente la realizzazione di una tettoia in legno non ancorata al suolo non richiede l’obbligo di permessi, in altri casi occorre disporre delle dovute autorizzazioni.

Nel caso in cui una tettoia o pensilina vada ad aumentare l’abitabilità dell’immobile, occorre richiedere il permesso di costruire. Questo deve essere presentato all’ufficio tecnico dal proprietario dell’immobile, accompagnato dal progetto e dalla certificazione di un tecnico abilitato. Per questo tipo di documento vige la legge del silenzio assenso ed i lavori devono andare a compiersi entro tre anni dal rilascio. E’ dunque possibile cominciare gli interventi da subito, qualora ci siano problemi questi verranno interrotti dall’organo pertinente entro 60 giorni dalla data d’inizio lavori.

Se volete abbellire e rendere più funzionale il giardino di casa vostra o la terrazza del vostro appartamento, la realizzazione di una tettoia in legno potrebbe essere la soluzione che stavate cercando e che ancora non vi era venuta in mente. Ecco per voi alcune buone ragioni per realizzare una tettoia in legno.

Una tettoia in legno aumenta la superficie abitabile

Amate stare all’aperto, ma in estate non riuscite a sopportare il caldo o in inverno non tollerate il freddo e la pioggia? La realizzazione di una tettoia in legno aumenterà la superficie coperta, e quindi abitabile, degli esterni della vostra casa di modo che potrete passare più tempo all’aria aperta. Se progettata e orientata correttamente, una tettoia in legno può fare tanta di quella ombra che anche un pomeriggio torrido può trasformarsi in un momento piacevole da trascorrere all’aperto. Nel caso poi vogliate un maggior riparo potrete semplicemente aggiungere delle porte scorrevoli e così avere l’impressione di stare nel vostro giardino anche durante una nevicata invernale.

Una tettoia in legno è facile da realizzare

La realizzazione di una tettoia in legno è semplice e, non comportando lavori particolarmente costosi, e adatta anche a quanti dispongono solo di un budget limitato. L’unica cosa che dovrete decidere sarà quella di scegliere se farvi realizzare una tettoia in legno su misura o comprare un kit prefabbricato. Scegliendo una tettoia in legno prefabbricata riuscirete sicuramente a contenere ulteriormente i costi, anche se dovrete rinunciare a design personalizzati.

I prezzi possono essere stabiliti solo conoscendo le caratteristiche di ciò che si intende costruire: ampiezza e genere di struttura, tipologia e spessore delle tavole impiegate ed eventuali costi per l’esecuzione dell’opera (quando si vuole evitare il ‘fai da te’).
Solitamente per questo genere di lavori vengono utilizzate tavole di legno lamellare in abete bianco o pino (già impregnate in apposite soluzioni o da impregnare al momento dell’utilizzo) e si tratta di essenze con prezzi piuttosto contenuti, eccetto l’abete rosso che è decisamente più pregiato.

VEDI ANCHE